Il fango di Abano Montegrotto Terme


logo fango
Il Fango

Il fango di Abano Montegrotto è costituito da un naturale miscuglio di una componente solida (argilla), di una liquida (acqua salsobromo-iodica) e di una biologica (micro-organismi e biomateriali).
Il processo di maturazione avviene in speciali vasche e dura circa 50-60 giorni durante i quali il fango viene mantenuto sempre a contatto con l’acqua termale che scorre, a ritmo costante, ad una temperatura di 60°C. La temperatura ed i costituenti chimici dell’acqua
termale euganea infl uenzano lo sviluppo della particolare comunità microbica, modifi cando la struttura chimica e chimico-fi sica del fango che acquista quelle proprietà terapeutiche che lo rendono unico.

Le alghe

All’Hotel Garden si utilizza esclusivamente fango maturo DOC, testato e controllato dall’Università di Padova. È unico al mondo perché contiene un’alga, denominata ETS05 che si riproduce esclusivamente nel Bacino Termale Euganeo. Il meccanismo d’azione antinfi ammatorio è stato brevettato a livello Europeo con n: EP05100038.

Le indicazioni

Le patologie che richiedono la cura del fango sono prevalentemente di tipo articolare come: artrosi, osteoporosi, postumi di traumi e reumo-artropatie.
Le più recenti ricerche scientifi che, condotte da università, in ambito internazionale, confermano che la massima
effi cacia terapeutica si ottiene con almeno 12 applicazioni.

La fangoterapia

La fangoterapia consiste in quattro passaggi fondamentali: applicazione del fango, bagno in acqua termale, reazione sudorale e massaggio tonifi cante. Il fango viene applicato direttamente sulla pelle ad una temperatura tra i 40°C e i 42°C per un tempo che varia dai 15 ai 20 minuti.
Una volta completata l’applicazione, il paziente, dopo una doccia calda, si immerge per dieci minuti nel bagno termale, arricchito con ozono per ossigenare meglio il corpo, ad una temperatura di 35-37°C.
Successivamente si asciuga con panni caldi e, raggiunta la propria stanza, rimane a letto ben coperto per 30/40 minuti; questo per consentire, attraverso la sudorazione, la completa ricezione degli effetti biologici del fango. Al termine, il terapeuta esegue un breve massaggio generale, molto effi cace in quanto agisce su una muscolatura calda e quindi particolarmente ricettiva.